C. Collettini, M.T. Donzelli, R. Sebastiani, Dal museo al museo, 1979-2016

Dal museo al museo, 1979-2016. Il progetto per il nuovo Museo delle navi di Fiumicino

Cristina Collettini, Maria Teresa Donzelli, Renato Sebastiani
(Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale romano, e l’Area archeologica di Roma)

I porti di Claudio e di Traiano

Le difficoltà di approvvigionamento di Roma dovute all’insufficienza del porto di Ostia e alla lontananza di quello di Pozzuoli, indussero l’imperatore Claudio a far costruire, a partire dal 42 d.C., un nuovo porto 3 km a nord di Ostia. Inaugurato da Nerone nel 64 d.C. il grande porto, di ca. 200 ettari, si mostrò poco sicuro in confronto alle tempeste e con tendenza a insabbiarsi. Tra il 100 e il 117 d.C. Traiano fece riprogettare il porto, scavando un nuovo bacino esagonale collegato a quello di Claudio, e migliorando il collegamento con il Tevere e Roma attraverso la Fossa Traiana, l’attuale canale di Fiumicino. Intorno alle nuove strutture portuali crebbe la città di  Portus, che divenne il principale scalo marittimo di Roma fino al VI-VII sec. d.C.

Il ritrovamento delle navi e il primo museo

Nel corso dei lavori per la costruzione dell’aeroporto Leonardo da Vinci, vicino al molo settentrionale del porto di Claudio, vennero scoperti, tra il 1958 e il 1965, i resti dell’opera viva di cinque imbarcazioni, denominati Fiumicino 1, 2, 3, 4, 5.

Fiumicino 1, 2 e 3 sono i relitti di imbarcazioni fluviali, le naves caudicariae, usate per risalire il Tevere fino a Roma. Fiumicino 4 è il relitto di un’imbarcazione marittima di piccole dimensioni, forse adibita al cabotaggio. Fiumicino 5 è il relitto, eccezionale, di barca da pesca a remi con al centro un pozzetto, un acquario-vivaio per tenere il pesce pescato. Gli incassi superiori indicano la presenza di un coperchio, mentre i fori sul fondo chiusi da tappi servivano per riempire il pozzetto di acqua fresca.

I relitti delle cinque imbarcazioni sono conservati nel Museo delle Navi Romane, una struttura ad hangar realizzata nell’area dove vennero trovati, insieme ai materiali recuperati durante gli scavi, e ad altri oggetti provenienti dall’area dei porti imperiali.

Ristrutturazione  del  museo  esistente

L’intervento proposto ha come obiettivo  il recupero  e la valorizzazione della struttura esistente  e la creazione delle condizioni  climatiche interne   idonei alla salvaguardia  dei  materiali archeologici ospitati; è inoltre finalizzato  alla  riapertura  del Museo che avverrà successivamente  all’ultimazione del restauro dei reperti alloggiati.

Ampliamento del museo

L’intervento riguardante l’ampliamento dell’attuale Museo delle Navi Romane situato nel comune di Fiumicino, ha come obiettivo la  creazione di un  polo museale che si presenti come   luogo di  offerta culturale e formativa nonché  di ricerca  a  livello nazionale  ed  internazionale.

Il progetto inoltre si  propone come punto qualificante per il suo  inserimento in una  rete strutturata  di  luoghi di grande interesse storico – naturalistico.  Farà parte di un grande « Parco Archeologico » che include  le aree dei   Porti  imperiali di Claudio e Traiano, la Necropoli  di Porto  di  Isola Sacra e gli  scavi  di Ostia.

In questo contesto , la linea    progettuale è volta alla creazione di uno spazio  caratterizzato sia  da funzioni  espositive  che   da attività didattico-culturali e contemporaneamente  come importante  luogo   di riferimento  dell’insieme   dei siti archeologici  del  Litorale Romano.

 

Télécharger le poster en PDF

 

Citer ce billet: "C. Collettini, M.T. Donzelli, R. Sebastiani, Dal museo al museo, 1979-2016", par Giulia Vertecchi. Publié sur CIRILI. City, River, Littoral, ISSN: 2494-551X, le 14/01/2016. Lien: https://cirili.hypotheses.org/315.

 

 

 


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *